Nani in Viaggio Organizzati

Annunci

Che la forza nanosa sia con noi!

Con L’aiuto di Tore il Nano Guaritore e SuperGnome si compirà un’impresa epica ai limiti dell’impossibile quest’oggi. Che tutta la forza del Nano da Giardino sia con me e noi!

Al grido di celapossiamofarcela lanciamo cappelli nanosi e auto-infondiamoci-coraggio.

Un grande passo nanoso si sta compiendo. Come fosse l’orma dello sbarco sulla nanoluna pianterò impavida e senza paura la bandiera a forma di cappelloapunta con tanto di funghi zuccherosi.

  Il destino di ogni nano da giardino, e il mio, da oggi non sarà più lo stesso. A dirla tutta: niente sarà più lo stesso ( il problema è che non migliorerà, inciso).

Elia e NanoMasterChef

Ho già parlato di Enea e Elia qui . Li ho adottati un giorno. Me li sono ritrovati davanti. Giocavano in un negozio di articoli per la casa ed erano francamente disperati di stare tra le polveri dei prodotti per il giardinaggio. Enea tra l’altro soffre di una feroce allergia e da quando è nato si spara il Ventolin nella cavità orale come fosse semplice aria senza ottenere ahimè nessun tipo di risultato.

Elia pur dimostrando un’inclinazione verso la difficile arte culinaria e una predilezione per l’elaborazione dei cupcake mi ha riservato delle magnifiche sorprese. Del tipo che ama organizzare pic nic, ed è per questo che gli ho comprato un cestino di vimini alla Rinascente con tanto di tovaglia in coordinato. E che è anche un instancabile preparatore di lavastoviglie. Gli piace proprio. Sistemare con cura le forchette rivolte verso il getto di acqua, organizzare le ciotoline per risparmiare più spazio possibile e così via. Predilige pure le ore notturne per rispettare l’ambiente e il consumo (appperò).

Si è rivelato un ottimo compagno per aperitivi sul terrazzo. Ha molto da raccontare Elia. Di quella volta che è stato a Parigi da Ducasse e di quella che ha scoperto cosa mettono davvero nei Macaron. E no. Non sono albumi. Urge un approfondimento lo so.

Trascorriamo allegre ore a chiacchierare di noi. Dei nostri progetti futuri e di coperture al formaggio per cupcake speziati. A lui piacerebbe diventare l’aiutante ufficiale nanoso di Gikitchen (è già comparso in questo video qui. Ad ostacolarlo Kobito, che è risaputo essere geloso assai, che nonostante capisca praticamente nulla di cucina ( mangia rustichella in autogrill e ne è testimonial, del resto) si ostina e pretende che io realizzi una sorta di “Master NanoChef” in casa. Con tanto di prove. Giudici e lotte all’ultimo dressing.

V va di organizzare una giuria? Perché credo davvero che prima o poi questa cosa vada fatta. E da sola no. Non posso ovviamente farcela.




Grattugia Cappero Nanoso

E’ lo spazio del mio Project 12 al quale tengo di più. Non dovrei dirlo perché rischio di ferire Eggland, Cupcakeland e tutti gli altri ma se vi è un posto dove amo tornare ( e vorrei proprio stabilirmici) è questo. Gli arretrati nanosi si accumulano e le mie illustrazioni nanologiche troppo poco spesso prendono luce proprio per mancanza di tempo e dedizione a quella che è la mia attività principale: dire fesserie su Gikitchen, già.

Fortuna vuole che le vacanze imminenti possano dare nuovamente luce alla sezione nanologica per troppo tempo abbandonata seppur Kabocha e qualche Nano spuntano fuori nelle vignette di Buongiorno del Mattino. Oggi è la volta dell’arricchimento archivio alla sezione “Regali Nanosi”. Bestia bionda, quella biondina ferrarese che mina il mio cuore arido con parole stupendevoli  insomma (non mi avrai mai maledetta! Neanche se scrivi queste cose meravigliose! Te le sei perse? ummamma clicca qui! – Lo scrivo sempre per la mia mammina eh), riesce a trovarle davvero tutte. Devo ancora ampiamente documentare alcune entità nanose che fanno ormai parte del mio irrinunciabile corredo, suoi preziosissimi doni.

In aeroporto, esattamente Fiumicino che a quanto pare è un luogo nanoso assai, ha scovato questa mini grattugia con cappellino nanoso che definirla di fondamentale e vitale importanza è riduttivo. E’ talmente piccola che ci si può grattugiare un cappero. E francamente a me un grattugia cappero mancava. Anzi a dirla tutta senza un grattugia cappero io avevo chiare difficoltà ad esistere.

Fortuna vuole che la mia bionda riesca con chiavi magiche e porte sconosciute ad aprire e chiudere cardini per farmi essere felice come mai avrei creduto di essere.

Applausi a scena aperta per la grattugia capperosa e tripudio di cappelli nanosi per questa  nuova  arrivata in casa. 

Il 2012 comincia bene

Adesso sì che potrò dormire sogni tranquilli

Liberi di saltellare tra i veleni dell’invidia e volare

Il concetto di Libertà

Liberi di mangiare il gelato senza pensare alle calorie

La Libertà di essere e non essere

Liberi dalla schiavitù del Regalo Natalizio al detestabile parente

Liberi di bere tranquillamente caffeina e teina senza avere la tachicardia

Liberi di Amare

Liberi dalla velocità giornaliera

Liberi di Sognare

Libertà in tutte le lingue del mondo

La libertà di essere e di non essere

La Libertà Nanosa

Addobbi Nanosi per Natale? non è un sogno.

Non entravano in valigia tutti ma adesso che so. Adesso che so. Adesso CHE SO dell’esistenza degli addobbi natalizi nanosi la mia vita ha finalmente un significato.

Obiettivo: possedere un albero gigante interamente addobbato così.